AGCI Alto Adige Südtirol
FACEBOOK    YOUTUBE
 
Per accedere all' area riservata è neccessario essere iscritti ed aver effettuato il login.
Se non sei ancora iscritto, registrati qui...


 
CERTIQUALITY

2° RAPPORTO EURICSE SULLA COOPERAZIONE

2° RAPPORTO EURICSE SULLA COOPERAZIONE

23/01/2014 | 2° RAPPORTO EURICSE SULLA COOPERAZIONE: 2008 - 2011

"Le imprese cooperative italiane negli anni della crisi sono cresciute a tassi superiori a quelli sia delle imprese di altro tipo che delle istituzioni pubbliche".

Questo il primo dato che emerge dal rapporto di ricerca "La cooperazione italiana negli anni della crisi", presentato stamattina a Roma dal centro di ricerca Euricse e dall'Alleanza delle Cooperative Italiane. Giunto quest'anno alla Seconda edizione, il documento restituisce un'approfondita fotografia del contributo diretto delle cooperative italiane al PIL e all'occupazione, oltre che del loro impatto complessivo sull'economia nazionale tra il 2008 e il 2011.

"L'importanza delle cooperative per l'intera economia italiana potrebbe andare oltre le cifre. Come ha spiegato Carlo Borzaga, docente dell'Università di Trento e presidente di Euricse, "con il perdurare della crisi diventa sempre più evidente che una conoscenza approfondita dei meccanismi che hanno permesso alle cooperative di crescere e mantenere posti di lavoro non può più essere considerata di esclusivo interesse degli studiosi e delle organizzazioni di rappresentanza del movimento cooperativo, ma assume una valenza più generale e giustifica un rinnovato impegno di ricerca. Per individuare le strategie in grado di rimettere l'Italia su un sentiero di crescita della produzione e dell'occupazione, è necessario valutare attentamente il contributo che può venire da ogni settore".

Dal Rapporto Euricse sulla Cooperazione si evince una maggiore capacità di tenuta delle imprese cooperative nei momenti di difficoltà per l'intero sistema produttivo. - ha precisato il presidente dell'Agci (Associazione generale cooperative italiane) e copresidente dell'Alleanza, Rosario Altieri. "Infatti, i dati che ci vengono presentati raccontano una crescita, seppur contenuta, del valore della produzione assicurato dal sistema cooperativo e da tutte le attività ad esso connesse, almeno fino al 2011. Dal 2012, il protrarsi della crisi ha provocato, anche nelle realtà cooperative, una leggera flessione che, comunque, risulta essere molto meno marcata rispetto a quella fatta registrare dalle altre forme d'impresa. Si può affermare, quindi, che ancora una volta la Cooperazione ha dimostrato quella sua funzione anticiclica che ha contribuito a reggere le sorti della nostra economia nelle fasi più critiche".