AGCI Alto Adige Südtirol
FACEBOOK    YOUTUBE
 
Per accedere all' area riservata è neccessario essere iscritti ed aver effettuato il login.
Se non sei ancora iscritto, registrati qui...


 
CERTIQUALITY

Presentato il DDL sull'inclusione dei cittadini stranieri

Presentato il DDL sull'inclusione dei cittadini stranieri

26/01/2011 | Presentato il DDL sull'inclusione delle cittadine e dei cittadini stranieri

A Palazzo Widmann l'assessore Roberto Bizzo ha sintetizzato i cardini del ddl e gli aspetti che intendono favorire il processo di inclusione dei cittadini extracomunitari in Alto Adige. Pur con le difficoltà per una costruzione complessa che tocca tutti i settori e per i paletti previsti dalla normativa europea e nazionale, la legge provinciale con i suoi 15 articoli introduce importanti novità. "L'obiettivo è quello di accompagnare i cittadini stranieri nel processo di inclusione, attraverso la conoscenza delle lingue, della storia e delle leggi di questa terra, e di offrire loro l'opportunità di svilupparsi nel rispetto delle regole della comunità locale".

L'assessore ha spiegato che "la legge si muove all'interno del caposaldo del promuovere e del richiedere: mette a disposizione, nell'ambito delle competenze e della disponibilità della Provincia, una serie di regole e modalità per agevolare l'integrazione dei cittadini extraUE nel tessuto sociale ed economico". Ad esempio tramite corsi di apprendimento linguistici associati alle competenze lavorative, la mediazione interculturale e i corsi di lingua. Attenzione viene dedicata ai corsi di formazione dei lavoratori, sia nell'aspetto linguistico che nella specificità della loro professione, e al riconoscimento dell'associazionismo. Importante sarà la figura del mediatore interculturale, "figura di alta professionalità preziosa soprattutto nei settori scolastici e sanitari", ha sottolineato Bizzo. I corsi linguistici prescolastici per i figli di famiglie di immigrati garantiranno invece il loro inserimento graduale e omogeneo nel percorso scolastico.

Il direttore della Ripartizione provinciale Lavoro Helmuth Sinn ha illustrato la funzione di coordinamento che la Ripartizione dovrà svolgere in una materia trasversale a molti settori. "Si partirà con la creazione di una rete tra servizi, istituzioni e enti che lavorano sull'immigrazione e con il coinvolgimento dei Comprensori e dei Comuni, che dovranno ciascuno nominare una persona di riferimento sul territorio", ha spiegato Sinn. Sempre sul piano organizzativo, il ddl prevede un piano pluriennale sull'immigrazione con precise priorità e tempistiche di attuazione, il Centro tutela contro ogni tipo di discriminazione e la Consulta provinciale per gli immigrati, composta da esponenti di Stato, Provincia, Comuni, e con 8 rappresentanti delle associazioni degli immigrati, cui spetterà la vicepresidenza della Consulta.

Il ddl approvato in prima lettura dalla Giunta provinciale - norma-quadro organica che demanda poi a regolamenti di esecuzione - è stato inviato al Consiglio dei Comuni per le osservazioni prima di tornare in Giunta per l'approvazione definitiva e la trasmissione al Consiglio provinciale.